Più economico, veloce, migliore: il piano per costruire una mano protesica open source

Kelsey Campbell-Dollaghan just a moment. 8 comments
Open Hand Project Prosthetics 3d Printing

Negli ultimi cinque anni, le stampanti 3D sono diventate meno costose, l'hardware si è ridotto e le comunità di riparatori sono esplose. Tutto ciò ha stimolato una rinascita del design della protesi, sostenuta da un ethos open source e budget crowdfunding.

Le protesi robotiche, come ci si potrebbe aspettare, sono ancora costose, complicate e richiede tempo per costruire . Ma un numero crescente di designer sta spingendo per sviluppare protesi che possano essere stampate rapidamente e personalizzate per i singoli utenti con un po 'di know-how meccanico. Oggi, il Dyson Award ha annunciato che una di quelle mani riceverebbe un premio in denaro come il vincitore del premio annuale Dyson nel Regno Unito .

Il lavoro di Gibbard sulle protesi robotiche è iniziato con l'Open Hand Project, quando ha lasciato il suo lavoro di robotica e si è trasferito con i suoi genitori per concentrarsi sullo sviluppo di una mano robotica economica e veloce. Gibbard ha trascorso quasi cinque anni sul suo prototipo, chiamato Dextrus, che può essere costruito per meno di $ 1500 (rispetto a decine di migliaia di dollari per le mani personalizzate). Oggi lavora con il nome Open Bionics (non il progetto Open Hand, come avevo scritto in precedenza), che riceverà il premio Dyson Award per continuare il suo lavoro portando il suo prototipo di mano robotica a persone in tutto il mondo.

La mano di Gibbard è stampata in 3D in meno di 40 ore con una plastica che è super resistente, non diversamente dalla plastica Lego. Gli utenti la controllano con due sensori EMG, che leggono il potenziale elettrico degli altri muscoli dell'utente per controllare la mano, prontamente ed economicamente disponibile attraverso i negozi online e possono essere collegati alle protesi esistenti in modo che gli utenti non debbano acquistare mani completamente nuove per usarlo. I tendini in acciaio inossidabile fanno aderire le "ossa" di plastica e le pizzicano, mentre i piccoli motori consentono di sollevare e spingere. Tutto è alimentato da batterie ricaricabili agli ioni di litio.

Il progetto è in giro ormai da anni e ha già consegnato la mano del progetto Open Hand agli utenti attraverso una campagna di crowdfunding di successo . Ma Gibbard e il suo team stanno spingendo avanti con i finanziamenti per continuare a sviluppare il design presso Open Bionics, che spiega ha subito un'evoluzione interessante nel tempo. Dopo aver parlato con gli utenti di protesi, il team ha scoperto che il peso e l'aspetto erano più importanti di quanto si aspettassero :

Abbiamo scoperto che avere una protesi leggera ha prevalso con una mano robotica avanzata. Gli amputati erano molto più preoccupati del peso e dell'aspetto della mano di quanto non fossero con la quantità di destrezza che aveva. Dopo averlo scoperto, ho spostato l'attenzione dai movimenti delle dita fini e precisi al design estetico e dal peso ridotto. Ora sono più concentrato sul trattamento delle mani robotiche come strumenti intercambiabili e persino sugli accessori di moda.

Gli amputati manuali vorrebbero le protesi più alla moda e divertenti. Un amputato vorrebbe due o tre mani robotiche a prezzi accessibili, tutti diversi colori e disegni da indossare per diverse occasioni.

Il team si è concentrato di più sul peso e sullo stile ora, stampando versioni colorate e rifuggendo i disegni che rendono la mano più "reale". "I rivestimenti accuratamente colorati (skin-matched) sono in genere molto costosi e, naturalmente, non c'è" un colore adatto tutto ", scrive Gibbard sul vecchio sito web di Open Hand . "Per questo motivo il Dextrus sarà lasciato scoperto e spero che gli utenti lo indosseranno con orgoglio".

Ma ciò che è veramente importante qui è che Gibbard è solo una delle comunità in crescita di ingegneri che si occupano di questo problema, e questa è una buona cosa: più cervelli focalizzati sullo stesso problema - che di per sé è complesso e dipendente da ogni singolo utente - è una buona cosa. C'è CyborgBeast , un altro design open source super economico disponibile su Thingiverse. O Hackberry , un altro progetto protesico open source. RoboHand , ancora un altro progetto open source, è stato effettivamente progettato da un falegname che ha perso due dita in un incidente.

Poi c'è la tecnologia emergente che combacia con questo boom di ingegneria: anche la tecnologia necessaria per costruire queste mani sta diventando sempre più piccola. Era solo l'anno scorso che il Approvato dalla FDA la vendita di protesi muscolose. Nel frattempo, il costo e la precisione delle stampanti 3D sono in calo e in aumento, rispettivamente, ogni anno, infatti, Gibbard ha dichiarato a The Telegraph che utilizzerà il premio in denaro Dyson per acquistare una nuova stampante.

Ovviamente, siamo all'inizio di questo particolare movimento. L'hardware migliorerà, così come le conoscenze ingegneristiche alla base di questi progetti e della comunità di persone che stanno finanziando lo sviluppo. Per ora, Gibbard otterrà una nuova stampante per produrre il prossimo di una lunga serie di prototipi.

[ The Telegraph ; Dyson ]

Correction: Ho aggiornato questo articolo per riflettere sul premio che andrà a favore di Open Bionics, la società Gibbard fondata l'anno scorso per sviluppare le mani, non il suo progetto Open Hand.


Contatta l'autore all'indirizzo kelsey@Gizmodo.com .

8 Comments

jj00
mrbungle25001
Michael Walsh
synthozoic
Joe_Limon
Joe the Tech

Suggested posts

Other Kelsey Campbell-Dollaghan's posts

Language